Storia e cultura

Relitto della nave punica

Relitto della nave punica

L’importanza storica ed artistica di Marsala è dovuta al fatto che essa è stata un crocevia di dominazioni e culture diverse, oguna delle quali ha lasciato le proprie tracce nell’arte e nelle tradizioni locali.

Dopo quella araba, a partire dalla fine dell’XI secolo d.C., si susseguirono le dominazioni normanna, sveva, angioina e aragonese. Soprattutto nei secoli XIV e XV il porto fu al centro dei tanti interessi: spagnoli, francesi, ottomani, pirati, tutti furono obbligati a fare scalo nella costa lilibetana.

Per quasi tre secoli Marsala rimase senza un porto. Poi, nel 1773, il commerciante inglese John Woodhouse scoprì le ottime qualità del vino locale e, avendo la necessità di imbarcare le botti di vino per esportarle in Inghilterra, decise di finanziare la realizzazione di un lungo molo che si estendesse dal faro verso la terraferma.

Quella di Woodhouse è una figura fondamentale per le sorti della città di Marsala non solo per realizzazione di questa base di approdo per le imbarcazioni. Egli, infatti, mosso dalla necessità di rendere il vino locale più adatto al trasporto senza correre il rischio di alterarne le qualità, ebbe l’intuizione di aggiungere al prodotto, già caratterizzato da una naturale alta gradazione alcolica, una ulteriore quantità di alcol di buona gradazione.
Nacque così il vino Marsala che, proprio grazie agli investimenti di Woodhouse, cominciò ad essere prodotto e commercializzato in maniera sistematica.
John Woodhouse, quindi, fu il fautore dell’esplosione dell’economia marsalese incentrata sul prodotto vinicolo. Con i propri fondi egli mise in opera numerose opere infrastrutturali tra cui il porto di Margitello, l’attuale porto di Marsala.

Porta Garibaldi

Porta Garibaldi

L’11 maggio 1860 proprio il porto fu teatro di una tappa storica fondamentale dell’intera vicenda italiana: lo sbarco di Giuseppe Garibaldi che, con i suoi Mille, dalla costa lilibetana avviò il processo di unificazione della penisola.

Ma l’11 Maggio è una data che ha segnato la storia di Marsala anche per un avvenimento tragico: nel 1943, durante la seconda guerra mondiale, un bombardamento alleato sul centro cittadino provocò la morte di centiaia di cittadini e valse alla città la medaglia d’oro al valor civile.

< Marsala – Le origini della città

Cosa vedere >